Menu

Pensioni, Prorogato nel 2018 lo sgravio per i nuovi imprenditori agricoli

La Legge di Bilancio incentiva le forme di imprenditoria nel settore agricolo con uno sgravio contributivo di durata quinquennale per chi avvia l'attività nel corso del 2018 ed ha meno di 40 anni. 

Ok alla proroga nel 2018 dello sgravio contributivo per promuovere forme di imprenditoria nel settore agricolo. La Legge di bilancio per il 2018 rinnova l'esonero dal versamento del 100 per cento dell'accredito contributivo presso l'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti per le nuove iscrizioni nella previdenza agricola effettuate tra il 1° gennaio 2018 ed il 31 dicembre 2018 da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali con meno di quaranta anni, ferma restando l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche. Secondo l'esecutivo allo sgravio aderiranno per il 2018 una platea di 9.000 neo iscritti, di cui 7.200 coltivatori diretti e 1.800 imprenditori agricoli professionali.

La misura, come si ricorderà, era stata introdotta dall'articolo 1, co. 344 e 345 della legge 232/2016 con riferimento ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, di età inferiore a 40 anni, che avessero effettuato una nuova iscrizione nella previdenza agricola nel 2017 o nel 2016 (in quest’ultimo caso solo se iscritti con aziende ubicate nei territori montani o nelle aree agricole svantaggiate). Con la legge di bilancio per il 2018 la misura viene prorogata dunque di un anno nei confronti dei nuovi iscritti nel 2018. Restano pertanto escluse dall’esonero (in quanto non “nuove”) le iscrizioni alla previdenza agricola relative a coltivatori diretti e a imprenditori agricoli professionali che negli anni precedenti siano risultati già iscritti nella previdenza agricola o che abbiano un'età superiore a 40 anni. 

La misura dell'esonero

L'esonero sarà riconosciuto in un importo pari al 100% della contribuzione IVS per i primi tre anni di iscrizione alla gestione previdenziale dei coltivatori diretti per poi scendere al 66% per il quarto anno e al 50% per il quinto anno. La misura è particorlamente vantaggiosa per l'assicurato perchè non comporta la riduzione dell'aliquota di computo della prestazione pensionistica, dunque, in sostanza non danneggia la misura della pensione. L'esonero resta incumulabile con altri benefici contributivi previsti dalla normativa vigente e il compito di monitorare il numero di nuove iscrizione e le conseguenti minori entrate contributive è assegnato all'INPS, che vi provvede con le risorse disponibili. La misura è subordinata alla verifica del rispetto dei limiti previsti dalla normativa europea in materia di aiuti di Stato. 

La contribuzione degli agricoli autonomi

Si rammenta che la la misura della contribuzione dovuta dai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali è determinata applicando l’aliquota contributiva vigente (dal 2018 pari al 24%) al prodotto tra numero di giornate corrispondenti alla fascia di reddito convenzionale in cui è inserita l’azienda e reddito medio convenzionale (pari, ai sensi del Decreto Direttoriale 18 maggio 2017, a 56,83 euro), stabilito annualmente con specifico D.M., sulla base della media delle retribuzioni medie giornaliere degli operai agricoli. E’ inoltre dovuto, ai sensi della L. 160/1975, un contributo IVS addizionale giornaliero con importo per il 2017 pari a 0,66 euro.

Arriva il contratto di affiancamento

Allo sgravio contributivo la legge di bilancio abbina - al fine di favorire lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile in agricoltura e agevolare il passaggio generazionale nella gestione dell'attività d'impresa - per il triennio 2018-2020, la possibilità per i giovani di età compresa tra i diciotto e i quarant'anni di stipulare con imprenditori agricoli o coltivatori diretti di età superiore a sessantacinque anni o pensionati contratti di affiancamento, anche ai fini dell'accesso ai mutui agevolati di cui al decreto legislativo n. 185 del 2000.  

Il contratto di affiancamento ha natura sinallagmatica con il quale l'imprenditore agricolo o il coltivatore diretto si impegna a trasferire al giovane affiancato le proprie competenze nell'ambito delle attività agricole; e dall'altro lato, il giovane imprenditore agricolo si impegna a contribuire direttamente alla gestione, anche manuale, dell'impresa, d'intesa con il titolare, e ad apportare le innovazioni tecniche e gestionali necessarie alla crescita d'impresa. La legge di bilancio prevede che l'affiancamento non possa avere durata superiore ai tre anni e comporta in ogni caso la ripartizione degli utili di impresa tra giovane e imprenditore agricolo, in percentuali comprese tra il 30 ed il 50 per cento a favore del giovane imprenditore. Il contratto può stabilire il subentro del giovane imprenditore agricolo nella gestione dell'azienda, ed in ogni caso prevede le forme di compensazione del giovane imprenditore in caso di conclusione anticipata del contratto

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici