Menu

Rimborsi pensioni 2015, ecco a chi spettano gli arretrati

Secondo la Fondazione Studi resta ancora incerto il meccanismo di rivalutazione degli assegni nel triennio 2014-2016.

La Fondazione Studi del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro offre una prima interpretazione del decreto legge 65/2015 con il quale il Governo è intervenuto in materia di perequazione automatica delle pensioni per dare attuazione alla sentenza n.70/2015 della Corte Costituzionale. La Circolare ribadisce che gli assegni coinvolti sono quelli ricompresi tra i 1443 euro e i 2810 lordi al mese al 31 dicembre 2011 (anche se ci sarà una fascia di garanzia sino a 2818 euro) che vedranno complessivamente un rimborso una tantum oscillante tra 270 euro e 800 euro per il biennio 2012-2013 e qualche manciata di euro in piu' negli anni successivi.

Da un punto di vista tecnico la Circolare sottolinea che la rivalutazione viene riconosciuta agli assegni per il biennio 2012-2013 con aliquote pari al 40%, 20% e 10% (rispettivamente per gli assegni ricompresi tra 3 e 4 volte il minimo, tra 4 e 5 volte il minimo, e tra 5 e 6 volte il minimo); la rivalutazione viene inoltre determinata sull'intero trattamento e non sulle fasce (meccanismo che sarebbe stato piu' favorevole).

Restano invece dubbi sulla rivalutazione da attribuire per il biennio successivo (2014-2015) e per l'anno 2016. La Fondazione ricorda che per «questi anni è riconosciuta il 20% della rivalutazione che sarebbe spettata sulla base del sistema di calcolo garantito nel biennio precedente. Con medesima impostazione è stata operata una rivalutazione del 50 % per gli anni dal 2016 in poi». La Fondazione apre però alla possibilità che tale meccanismo possa non sostituire la rivalutazione introdotta dal 1° gennaio 2014 dalla legge 147/2013 andando piuttosto ad operare esclusivamente sugli arretrati maturati nel biennio precedente per poi esaursirsi nel 2016. Se fosse accolta tale interpretazione, quindi, l'importo delle prestazioni in pagamento non subirebbe alcuna modifica: in particolare non sarebbe riconosciuto alcun beneficio in via permanente sugli assegni nel futuro, circostanza invece paventata nei giorni scorsi dal Ministro Poletti che ha parlato di effetti strutturali per 500milioni di euro l'anno da reperire.

In realtà sul punto sarebbe utile una precisazione ufficiale da parte del Governo volta a comprendere se il nuovo strumento perequativo con efficacia retroattiva sia limitato alla modalità di calcolo degli arretrati o si estenda, come suggerisce una lettura letterale della norma, anche alla modalità di determinazione degli assegni. In tale ultimo caso i pensionati potrebbero "spuntare" un importo leggermente superiore anche per il periodo successivo al biennio 2012-2013, circostanza da escludere invece qualora si accettasse l'ipotesi proposta dalla Fondazione Studi  (qui è possibile simulare quanto dovrà essere restituito ai pensionati).

Per quanto riguarda il profilo fiscale dell'erogazione del "bonus" la Circolare conferma che le somme spettanti per gli anni 2012-2014 saranno sottoposte a tassazione separata (con aliquota quindi ricompresa tra il 23 ed il 29% a seconda della fascia dell'importo) in quanto sono considerate "arretrati". Resta da comprendere invece il regime di tassazione applicabile all’importo di competenza del 2015 in considerazione del fatto che tale importo non può essere considerato arretrato essendo erogato nel medesimo periodo di imposta.

Documenti: Circolare Fondazione Studi Numero 12/2015

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici