Bernardo Diaz

Bernardo Diaz

Bernardo Diaz, dottore commercialista collabora con PensioniOggi.it dal novembre del 2015.  

La discussione di Riforma del sistema previdenziale si arricchisce dell'idea lanciata dal leader di Pin, Armando Siri fatta propria, secondo quanto si apprende dai giornali, dal leader della Lega Nord, Matteo Salvini.

Kamsin Una pensione con 35 anni di contributi e di un importo fisso di 800 euro al mese per 14 mensilità. Che diventano mille euro al perfezionamento di 40 anni di contributi. E senza alcun vincolo di età anagrafica. Dopo la Flat Tax nel programma economico di Matteo Salvini entra la riforma previdenziale che il Leader leghista prende in prestito da Armando Siri, leader del Partito Italia Nuova.

La proposta. Siri si rivolge soprattutto ai giovani, cioè coloro che hanno iniziato a versare successivamente al 31 dicembre 1995 e che pertanto si ritrovano nel contributivo puro con la prospettiva di percepire assegni molto modesti una volta in pensione. La proposta riguarda infatti tutti i neo lavoratori e coloro che hanno meno di 10 anni di anzianità di servizio i quali potranno ottenere una pensione con 35 anni di contributi, indipendentemente dall'età anagrafica, di un importo standard di 800 euro al mese (per 14 mensilità). E con 40 anni di contributi la prestazione salirebbe a mille euro al mese per un totale di 14mila euro annui. Inoltre, qualora l'assegno sia pari ad 800 euro, il lavoratore lo potrà sempre integrare con i volontari per raggiungere il minimo di mille euro. 

Sarebbero ammessi al nuovo sistema anche i lavoratori che hanno fino a 25 anni di anzianità contributiva a condizione che la loro aspettativa di pensione sia superiore ai mille euro al mese; in questo caso otterranno un rimborso una tantum rateizzato in tre anni per recuperare la differenza.

Minor peso fiscale per i datori. L'obiettivo della proposta, secondo Siri, è mettere piu' soldi in busta paga e garantire una prestazione standard per tutti i lavoratori, sia autonomi che dipendenti. Il tetto di contributi a carico del datore infatti non potrà superare i 5mila euro all'anno; la restante parte sarà a carico del lavoratore che dovrebbe pagare un'aliquota del 10% della retribuzione media annuale sino ad un massimo complessivo di versamenti pari a 7.500 euro l'anno. Il lavoratore che al momento in base alla sua retribuzione versa contributi superiori a 7500 euro annui riceverà questa differenza in busta paga. In questo modo, con 40 anni, si potrebbe accumulare un montante di 300mila euro (si veda la grafica in basso).

"Ci saranno più soldi durante la vita lavorativa - spiega Siri - eventualmente disponibili per forme di previdenza integrative - e poi tutti avranno una pensione uguale e dignitosa con il raggiungimento del periodo contributivo. "Il principio è lo stesso della Flat Tax. Tutti percepiranno la stessa pensione, indipendentemente dal reddito. Oggi - spiega ancora Siri - più un lavoratore guadagna, più aumenta il costo del lavoro per il datore, che paga maggiori contributi pensionistici. Con questa riforma, invece, il datore di lavoro pagherà 5mila euro l’anno per ciascun lavoratore indipendentemente dal suo reddito. Oggi il versamento dei contributi è obbligatorio per evitare che lo Stato debba sostenere costi sociali eccessivi.

La riforma mira a minimizzare i costi sociali: sempre meno persone, infatti, scelgono di non lavorare, le casalinghe sono in dimunizione. In sintesi, il costo previdenziale diventa uguale per tutti, il datore di lavoro, grazie al combinato con la Flat Tax, risparmierà sul costo del lavoro e ogni lavoratore avrà una busta paga più consistente nella certezza che, quando andrà in pensione, lo Stato garantirà a tutti una somma dignitosa per vivere".

seguifb

Zedde

I reati caratterizzati da scarsa offensività sociale puniti con la reclusione sino ad massimo di 5 anni potranno essere non piu' perseguibili penalmente. La decisione sarà del giudice.

Kamsin I reati puniti con meno 5 anni di reclusione o solo con la pena pecuniaria potranno, a determinate condizioni, non essere piu' perseguibili penalmente. Dal prossimo 2 Aprile entrerà infatti in vigore il decreto legislativo 28/2015 che da' attuazione alla legge delega 28 aprile 2014, n. 67 , in materia di pene detentive non carcerarie, depenalizzazione e riforma del sistema sanzionatorio. Il provvedimento introduce , in particolare, nel nostro ordinamento l'istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto, un nuovo istituto che mira alla rapida definizione, tramite archiviazione o proscioglimento, dei procedimenti iniziati nei confronti di soggetti che abbiano commesso illeciti caratterizzati da una scarsa gravità.

E' così perseguita la finalità di evitare l'avvio o il proseguimento di giudizi penali - con conseguenti risparmi in termini di economia processuale - laddove la sanzione penale non risulti necessaria; per le persone offese dal reato resta, tuttavia, ferma la possibilità di rivalersi in sede civile dei danni comunque subiti.

Per la concessione del beneficio ci sono precise condizioni: l'archiviazione potrà essere infatti concessa solo con riguardo ai reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni ovvero la pena pecuniaria, sola o congiunta alla suddetta pena detentiva. Inoltre la non punibilità opererà quando l'offesa è di particolare tenuità e il comportamento non risulta abituale.

La disciplina introdotta non prevede però alcun automatismo nella concessione della causa di non punibilità dovendo essere comunque il giudice a valutare, in base alla sua discrezionalità, se nel caso concreto ricorrano le condizioni che giustificano l'archiviazione.

seguifb

Zedde

Non ci sarà alcuna preclusione nell'accesso alla Dis-Coll, per coloro che abbiano perduto l'occupazione dal 1o gennaio 2015 e per i quali, alla data di entrata in vigore del decreto legislativo, o di adozione delle procedure telematiche per la presentazione della domanda, siano già trascorsi i 68 giorni entro i quali la stessa deve essere presentata, a norma dell'articolo 15 del dlgs 22/2015. Kamsin E' quanto ha ricordato ieri il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti nel corso di un'interrogazione parlamentare.

Secondo il Ministro "il problema è perfettamente presente all'INPS e a questo Ministero ed è in corso di predisposizione una circolare che prevede disposizioni operative volte a salvaguardare la situazione di quei soggetti che, avendo perso il lavoro in data antecedente l'entrata in vigore del decreto o l'adozione delle procedure telematiche, potrebbero vedere limitato il loro diritto di accesso ai benefici in parola. L'INPS sta predisponendo con carattere di priorità la procedura per la presentazione telematica delle domande".

Il nuovo ammortizzatore sociale, lo si ricorda è riconosciuto ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, con esclusione degli amministratori e dei sindaci, iscritti in via esclusiva alla gestione separata che perdano il lavoro a partire dal 1° gennaio 2015 e sino al 31 dicembre 2015; la prestazione sostituirà l'indennità una tantum corrisposta sino ad oggi.

seguifb

Zedde

Nessuna sanzione sino al 31 Marzo per chi non ha versato l'Imu sui terreni agricoli entro la scadenza del 10 febbraio. Confermate le regole di esenzione per i terreni totalmente montani.

Kamsin E' arrivato il via libera definitivo della Camera al disegno di legge, già approvato dal Senato, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 4, recante misure urgenti in materia di esenzione IMU per i terreni agricoli. Vediamo dunque le novità.

I Terreni Esenti dal pagamento dell'IMU

Il testo del provvedimento prevede che l'esenzione totale dall'IMU si applichi ai terreni, anche non coltivati, ubicati nei comuni classificati come totalmente montani, mentre per quelli parzialmente montani godono dell'esenzione esclusivamente i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola (anche qualora affittino o concedano in comodato i terreni a coltivatori diretti o imprenditori agricoli) e quelli non montani non hanno diritto ad alcuna esenzione. Dal pagamento dell'imposta sono esentati anche coloro che affittano o conc

Non vengono, invece, esentati dal pagamento dell'imposta i proprietari di terreni agricoli non coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali che intendono affittare o dare in comodato i terreni.

È stata poi introdotta l'esenzione per i terreni nelle isole minori ed una detrazione di 200 euro per la cosiddetta «collina svantaggiata» ovvero quei comuni che sono ubicati in un'area compresa nei comuni di pianura e quindi totalmente privi di esenzione. Comuni che erano nell'elenco della circolare del 1993, ma che non rientrano più nei criteri di classificazione dell'ISTAT né come montani, né come parzialmente montani e che di fatto si ritrovavano ad essere equiparati alla pianura e, quindi, con pagamento totale, avendo invece caratteristiche e redditività nella più parte dei casi molto differente rispetto alla pianura.

Slittamento delle sanzioni sino al 31 Marzo 2015

I contribuenti che non rientrano nei parametri per l'esenzione, hanno dovuto versare l'imposta per l'anno 2014 entro il 10 febbraio 2015. Dato che sono cambiate le regole piu' volte il testo del provvedimento ha introdotto una modifica che prevede la non applicazione di sanzioni ed interessi nel caso di ritardato pagamento rispetto alla data del 10 febbraio, a condizione che il versamento dell'imposta per il 2014 avvenga entro il 31 marzo 2015. In pratica si introduce un'ulteriore proroga del termine di pagamento ad una data successiva. 

Rimborso dell'Imu non dovuta

Altra disposizione introdotta durante l'esame al Senato, è quella che dispone, per i contribuenti che hanno già effettuato versamenti di IMU non dovuta – a fronte dei nuovi criteri per i quali risultavano ora esenti – il diritto ad un rimborso da parte del comune di quanto versato o alla compensazione, qualora il medesimo comune abbia previsto tale facoltà, con proprio regolamento.

Abolizione disposizioni Fiscali sull'Agricoltura

Infine nel provvedimento vengono abolite le disposizioni fiscali a favore dell'agricoltura, introdotte recentemente, che consentivano ai produttori agricoli che rientrassero nell'ambito di applicazione dell'IRAP alcune deduzioni dalla base imponibile del medesimo tributo con riferimento ai lavoratori agricoli dipendenti a tempo determinato con contratto di durata almeno triennale impiegati nel periodo di imposta e con almeno 150 giornate lavorative.

Il Governo ha giustificato l'abrogazione di questa disposizione con la mancata ricezione della necessaria autorizzazione da parte della Commissione europea.

seguifb

Zedde

E' arrivato il sì della Commissione Affari Costituzionali ad un pacchetto di correttivi sul riordino delle Forze di Polizia. Atteso il parere del relatore sulla staffetta generazionale.

Kamsin Procede in Commissione Affari Costituzionali del Senato l'esame e l'approvazione degli emendamenti al disegno di legge delega di riforma della pubblica amministrazione. Il testo sarà in Aula per la prima lettura, però, non prima del 31 marzo nonostante l'accelerazione impressa dalla Commissione negli ultimi giorni. Ieri la Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama ha infatti dato la precedenza al decreto sull'anticorruzione e sulle banche popolari. 

Corpi di Polizia. Nella giornata di ieri sono stati però approvati gli emendamenti agli articoli 6 e 7 ed oggi si dovrebbero esaminare gli articoli 8, 9 e 10. Tra le novità da annotare c'è l'assorbimento del Corpo Forestale dello stato nelle altre forze di polizia ed un riordino generale delle funzioni di polizia al fine di evitare sovrapposizioni. Riordino che interesserà anche i corpi di polizia provinciale che però non saranno assorbiti.

Intercettazioni. Un altro emendamento a firma Lucrezia Ricchiuti e Doris Lo Moro (Pd) dà il via alla riduzione del 60% «della tariffa riconosciuta ai gestori di reti telefoniche e del prezzo dei supporti adoperati» per le intercettazioni telefoniche. L'obiettivo è farle diventare meno care.

Poteri del Governo. Palazzo Chigi avrà, inoltre, un ruolo più forte e una sorta di regia allargata per quel che riguarda la vigilanza sulle agenzie governative nazionali, comprese quelle fiscali. Il tutto nell'ambito di un processo di rafforzamento dei poteri del premier, previsto dalla stessa riforma della Pa targata Madia, che riguarda anche le nomine dei manager pubblici.

Enti inutili. Tra gli emendamenti approvati ieri al Senato in commissione Affari costituzionali c'è anche la soppressione degli enti inutili o "in rosso", la possibilità di rafforzare le strutture efficienti «che erogano prestazioni ai cittadini e alle imprese», e la «riduzione degli uffici e del personale anche dirigenziale destinati ad attività strumentali».

Corruzione. Per rafforzare la lotta alla corruzione il Governa dovrà, inoltre, intervenire in tema di incompatibilità per gli incarichi nella Pa ed emanare entro 6 mesi dall'entrata in vigore della riforma i decreti attuativi per «integrare» le regole su pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni nelle pubbliche amministrazioni con il vincolo di precisare gli obblighi per il contrasto alla corruzione.

Pensioni. Nei prossimi giorni saranno invece discusse alcuni emendamenti in materia di pensioni presentati dalla lega per le autonomie e dal movimento 5 stelle. Sul tavolo c'è la proposta di introdurre la staffetta generazionale nelle Pubbliche Amministrazioni e la possibilità per i ferrovieri di andare in pensione a 58 anni con 38 anni di contributi. Due misure su cui tuttavia è probabile il parere negativo del relatore.

Seguifb

Zedde

© 2021 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.