Menu

Buono nido, Dal 28 Gennaio al via le domande per il contributo da 1.500 euro

L'importo per la fruizione degli asili nido è stato incrementato del 50% dalla recente legge di bilancio. I chiarimenti in un comunicato diffuso l'altro giorno dall'Istituto di Previdenza.

Dalle ore 10 di lunedì 28 gennaio i genitori potranno presentare domanda online per la concessione del bonus asilo nido per il 2019. Ne da' notizia l'Inps in un comunicato stampa diffuso ieri. Il contributo quest'anno per effetto della legge di bilancio è stato incrementato a 1.500 euro su base annua rispetto ai 1.000 euro precedenti fermo restando le modalità e i requisiti di concessione.

In particolare anche per l'annualità 2019 il bonus può essere corrisposto, previa presentazione della domanda da parte del genitore, a beneficio di bambini nati, adottati o affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette degli asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto contributo asilo nido) e in favore dei bambini di età inferiore a tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari.

Per la presentazione della domanda, il richiedente il contributo asilo nido dovrà allegare la documentazione comprovante il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza per cui si richiede il beneficio oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l’iscrizione. Per i bambini di età inferiore ai tre anni impossibilitati a frequentare gli asili nido, per la presentazione della domanda, il richiedente dovrà allegare l’attestazione, rilasciata dal pediatra di libera scelta, che attesti l’impossibilità del bambino di frequentare l’asilo nido per l’intero anno solare di riferimento, a causa di una grave patologia cronica.

Le modalità di erogazione restano quelle già note non avendo la legge di bilancio modificato tale passaggio: 1) per i bimbi che frequentano l'asilo il pagamento viene scaglionato in undici rate mensili l'anno (l'importo di 1.500 euro viene, quindi, diviso per undici); 2) per i i bimbi impossibilitati a frequentare l'asilo per patologie il pagamento viene disposto in unica soluzione. Si rammenta che la fruizione del bonus è sganciata dall'accertamento dell'Isee o dei redditi Irpef del genitore o del nucleo familiare. Pertanto può essere concessa praticamente a tutte le famiglie. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Dalle 10 di lunedì 28 gennaio sarà attivo il servizio online per richiedere il bonus asilo nido per il 2019.
Il contributo, fino a un importo massimo di 1.500 euro su base annua, può essere corrisposto, previa presentazione della domanda da parte del genitore, a beneficio di bambini nati, adottati o affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette degli asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto contributo asilo nido) e in favore dei bambini di età inferiore a tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari.

Per la presentazione della domanda, il richiedente il contributo asilo nido dovrà allegare la documentazione comprovante il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza per cui si richiede il beneficio oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l’iscrizione.

Per i bambini di età inferiore ai tre anni impossibilitati a frequentare gli asili nido, per la presentazione della domanda, il richiedente dovrà allegare l’attestazione, rilasciata dal pediatra di libera scelta, che attesti l’impossibilità del bambino di frequentare l’asilo nido per l’intero anno solare di riferimento, a causa di una grave patologia cronica.

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici