Menu

Coronavirus, Congedo straordinario di 15 giorni esteso sino al 3 Maggio

Le indicazioni in un documento dell'Inps a seguito del prolungamento della chiusura dei servizi scolastici. Esteso anche il periodo temporale per spendere il bonus per i servizi di baby-sitting.

Il congedo straordinario di 15 giorni previsto dal Decreto Legge "Cura Italia" (Dl 18/2020) potrà essere fruito sino al 3 Maggio 2020. Lo rende noto l'Inps nel messaggio numero 1648/2020 pubblicato oggi dall'ente di previdenza in conseguenza della decisione del Governo di prorogare la sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado per l'emergenza epidemiologica del COVID-19.

Come noto l'articolo 23 del decreto-legge n. 18 del 2020 ha previsto la possibilità di fruire dello specifico congedo a partire dal 5 marzo 2020, per il periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado disposto con il D.P.C.M. del 4 marzo 2020 sino al 3 aprile 2020, poi prorogato al 13 Aprile con il D.P.C.M del 1° aprile 2020. Alla luce del D.P.C.M. del 10 aprile 2020, che prevede la proroga ulteriore del periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado sino al 3 Maggio 2020 l'Inps, pertanto, spiega che anche il congedo straordinario di 15 giorni potrà essere fruito fino alla predetta data.

Bonus Baby Sitting

L'Inps non lo dice ma la proroga della sospensione dei servizi scolastici determina anche un allungamento del periodo entro il quale potranno essere remunerate tramite Libretto Famiglia le prestazioni lavorative per quei genitori che abbiano optato, in alternativa al congedo straordinario, per il bonus per servizi di "baby sitting covid-19". In tale ipotesi i genitori potranno, pertanto, spendere il bonus per remunerare i servizi di assistenza e sorveglianza dei minori svolti nel periodo temporale compreso tra il 5 marzo ed il 3 maggio 2020 (anziché dal 5 marzo al 13 aprile 2020). La misura del bonus resta invariata: 600 euro, 1.000 euro per i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, e per il settore difesa, sicurezza e soccorso pubblico impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Documenti: Messaggio inps 1648/2020

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici