Menu

Decreto Pensioni, dal 1° giugno tutte le pensioni saranno pagate il primo di ogni mese

Una nota dell'Inps anticipa i dettagli del decreto legge varato dal Governo: tutti i trattamenti pensionistici erogati dall'Inps saranno pagati il primo di ciascun mese.

Dal 1° giugno tutti i trattamenti pensionistici, assegni, indennità di accompagnamento per gli invalidi civili, nonché le rendite vitalizie Inail, saranno posti in pagamento il primo giorno del mese. Lo comunica in via ufficiale l'Inps con una nota diffusa oggi pomeriggio. Nel comunicato l'Istitito di Via Ciro il Grande recepisce sostanzialmente la novità contenuta nel recente decreto pensioni approvato lunedì dal Cdm. Nel caso in cui il primo giorno del mese coincida con un giorno festivo oppure non bancabile, il pagamento sarà effettuato nel giorno utile immediatamente successivo.

La misura dovrebbe interessare in particolare i titolari di doppie prestazioni Inps-Inpdap, circa 150mila pensionati che hanno, ad esempio, una pensione Inps diretta ed una reversibilità da parte dall'ex-inpadap o a carico di altri fondi sostitutivi dell'AGO come la gestione ex-enpals. Per questi soggetti l'Inps paga infatti due prestazioni al mese con una duplicazione "inutile" dei costi delle commissioni bancarie. Un tentativo in tal senso era stato già avviato con la legge di stabilità 2015 in cui si fissava il pagamento delle doppie prestazioni al 10 di ogni mese. Una misura che poi è rimasta inattuata per via del timore di determinare un danno nei confronti delle categorie di pensionati piu' deboli. Da comprendere se la norma avrà però effetto anche sulle date di pagamento dei titolari di un trattamento "inframensile" (es. dipendenti pubblici ed ex-enpals le cui prestazioni vengono liquidate rispettivamente il 16 e il 10 di ogni mese).

L'operazione, ha spiegato il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, è a impatto zero sui conti: i minori interessi maturati dall'Inps saranno completamente conguagliati dalla riduzione delle spese dei bonifici bancari e postali. 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici