Enti Locali, Anche i periodi pre ruolo sono utili ai fini del TFS

Bernardo Diaz Giovedì, 10 Dicembre 2020
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione accogliendo la pretesa di una ex dipendente di un ente comunale nei confronti della quale non erano stati assolti gli obblighi contributivi all'INADEL.
Anche i periodi di servizio fuori ruolo prestati presso gli enti comunali concorrono ai fini della determinazione della misura dell'indennità premio di servizio (IPS). E ciò anche se il comune non ha versato i relativi contributi all'ente previdenziale ed il diritto al versamento si sia, pertanto, ormai prescritto. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza n. 27427/2020 con la quale gli ermellini erano stati chiamati a pronunciarsi sulla pretesa di una ex dipendente comunale a cui l'ente previdenziale non aveva riconosciuto 3 anni di servizio pre ruolo (dal 22.11.1971 al 1.9.1974) nel computo della misura del TFS a causa del mancato versamento dei contributi all'Inadel (ora Inps) da parte del Comune.

La questione

L'art. 1 della legge n. 152/1968 stabilisce l'iscrizione obbligatoria ai fini del TFS al personale non di ruolo purché tale personale abbia almeno un anno di servizio continuativo e sia adibito a servizi di carattere permanente che comportino l'obbligo di iscrizione ai fini del trattamento di quiescenza. In base a tale norma era fuori dubbio che l'ente comunale era tenuto al versamento dei relativi contributi previdenziali. Tuttavia non lo aveva fatto, il diritto al versamento si era prescritto e la lavoratrice era rimasta danneggiata nel computo della misura della prestazione.

Secondo la Cassazione anche il TFS deve essere assistito dal principio dell'automatismo delle prestazioni. Ciò in quanto, come già affermato nelle sentenze nn. 1460/2001 e 13871/2007, il citato principio ha carattere generale e riguarda tutti i sistemi di previdenza ed assistenza di natura obbligatoria, tra cui anche l'ordinamento Inadel, salvo espresse deroghe stabilite dal legislatore. La Corte afferma, in sintesi, il principio secondo il quale "pur se vi sia stata prescrizione del diritto dell'ente alla percezione della contribuzione, il fondamento solidaristico sotteso all'art. 2116 c.c. fa sì che, allorquando, come nel lavoro dipendente, la contribuzione stessa doveva essere versata dal datore di lavoro anche per la quota a carico del lavoratore, l'inadempimento non possa comportare pregiudizio per il lavoratore, se la legge non lo preveda". Di conseguenza nel caso di specie viene stabilito il diritto dell'ex lavoratrice alla riliquidazione dell'IPS con comprensione anche dei 3 anni di servizio pre ruolo ancorché il comune non avesse versato i relativi contributi previdenziali

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

© 2021 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.