In Gazzetta il Decreto Interministeriale che abroga la forma pensionistica complementare istituita presso l'Inps. Dal 1° Ottobre 2020 stop alle nuove iscrizioni: sarà il Fondo COMETA a riceverle.
Per chi non ha necessità impellenti il suggerimento è di mantenere la posizione. Magari approfittando per versare ulteriori contributi volontari, con un doppio vantaggio: prezzi bassi dei titoli e detrazione fiscale
I chiarimenti in un documento della Covip, l'organo di vigilanza delle forme di previdenza complementari. Possibile l'acquisizione del premio di risultato detassato nel fondo pensione.
Lo ha stabilito la Corte Costituzionale bocciando un passaggio del Dlgs 252/2005 che sino al 2017 assoggettava a tassazione ordinaria il riscatto della posizione individuale dei dipendenti pubblici maturata presso le forme di previdenza complementari negoziali.
Le indicazioni in un documento Inps dopo l'entrata in vigore del decreto legge sulla quota 100. Domande a pena di decadenza entro il 29 Luglio 2019 per il personale che ha già superato il massimale contributivo alla data di entrata in vigore del DL 4/2019. 
I dipendenti pubblici potranno optare per il versamento della contribuzione anche sulla quota eccedente il massimale contributivo nei settori in cui lo stato non partecipa alla formazione della pensione integrativa. Lo prevede un passaggio del Dl 4/2019.
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati