Menu

Pensioni, Cambia la Rivalutazione degli assegni per le vittime del terrorismo

Dal 2018 cambiano le regole per la rivalutazione annuale delle pensioni delle vittime del terrorismo e familiari superstiti.

Dal prossimo anno cambiano in senso più favorevole le regole per la rivalutazione annuale delle pensioni delle vittime di atti di terrorismo e delle stragi di tale matrice, dei loro superstiti, nonché' dei familiari della vittima. Nè da notizia l'Inps con la Circolare 155/2017 nella quale illustra le modifiche apportate dall'articolo 3, co. 4-quater del decreto legge 50/2017 convertito con legge 96/2017 (la cd. manovrina finanziaria bis 2017). 

Attualmente come noto, sui trattamenti diretti erogati in favore della vittima di atti di terrorismo e dei suoi familiari superstiti (coniuge, figli anche maggiorenni e in mancanza ai genitori) nonchè sui trattamenti indiretti erogati ai superstiti della vittima è riconosciuta la cd. clausola d'oro in base alla quale la pensione deve essere adeguata avendo riguardo agli adeguamenti retributivi stabiliti nei contratti collettivi nazionali di lavoro per i lavoratori che si trovino nella posizione economica corrispondente a quella del pensionato all’atto della cessazione dal servizio.

Le novità saranno in vigore dal 2018

Dal 1° gennaio 2018 questo sistema di indicizzazione andrà in soffitta per essere sostituito da un meccanismo che assicura, ogni anno, la rivalutazione automatica in misura pari alla variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo. La novella sarà assistita da una clausola di salvaguardia che garantisce, ai trattamenti sopra richiamati, un incremento annuale in misura pari all'1,25%, calcolato sull'ammontare dello stesso trattamento per l'anno precedente, secondo l'articolazione relativa alla perequazione automatica delle pensioni di cui all’art. 69 della L. 388/2000. 

Alla luce di tali disposizioni, pertanto, l’articolo 3, comma 4-quater d.l. 50/2017 sarà così applicato: a) nell’ipotesi di una variazione dell’indice ISTAT pari o superiore all’1,25% sarà corrisposto l’indice di rivalutazione corrispondente alla variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati; b) nell’ipotesi di variazione di tale indice inferiore all’1,25% sarà attribuita la rivalutazione in misura graduale in funzione dell’importo del relativo trattamento secondo le fasce indicate dalla legge 388/200, articolo 69. 

Conseguentemente, in questa seconda ipotesi, la rivalutazione sarà corrisposta: nella misura del 100 per cento dell’1,25% del trattamento erogato l’anno precedente per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici fino a tre volte il trattamento minimo INPS; nella misura del 90 per cento dell’1,25% (sempre riferito al trattamento erogato l’anno antecedente) per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici comprese tra tre e cinque volte il trattamento minimo INPS; nella misura del 75 per cento dell’1,25% per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici superiori a cinque volte il predetto trattamento minimo. 

Tale ulteriore rivalutazione non dovrà essere quantificata con i criteri di cui all’art. 34 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 (ossia non dovrà essere applicata sull’ammontare complessivo dei trattamenti corrisposti al pensionato) ma si applicherà esclusivamente al singolo trattamento pensionistico erogato in applicazione dei benefici in favore delle vittime del terrorismo in base alla legge n. 206/2004.

In ogni caso, ove il calcolo dell’incremento del trattamento pensionistico soggetto a perequazione sulla base del citato meccanismo di rivalutazione previsto dall’articolo 69 della citata legge n. 388/2000 risulti inferiore alla misura dell’incremento di pensione derivante dalla rivalutazione automatica registrata secondo l’indice ISTAT, verrà applicato quest’ultimo. Resta inteso che le predette prestazioni restano escluse dal prelievo fiscale. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Documenti: Circolare Inps 155/2017

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici