Menu

Il Premio alla Nascita di 800 euro va dato anche alle mamme straniere

L'Inps si adegua alla Sentenza del Tribunale di Milano che aveva dichiarato discriminatorio il riconoscimento del premio alla nascita solo alle madri italiane o straniere con permesso lungo di soggiorno.

  Via libera dell'Inps al riconoscimento del premio alla nascita (800 euro) anche alle lavoratrici straniere con permesso di soggiorno a scadenza. L'istituto si adegua così all'ordinanza del Tribunale di Milano, che ha dichiarato discriminatoria la condotta dell'Inps lo scorso dicembre perché ha escluso dal diritto le madri straniere non in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo. Il messaggio numero 661/2018 indica, pertanto, le domande di premio alla nascita presentate dalle donne straniere regolarmente presenti in Italia, in precedenza respinte in applicazione delle circolari n. 39/2017, n. 61/2017 e n. 78/2017, saranno oggetto di riesame alla luce dell’Ordinanza n. 6019/2017. Il riesame della domanda sarà effettuato su istanza della richiedente da presentarsi alla Struttura territoriale competente utilizzando l’apposito modello predisposto dall’Istituto fornito in allegato al predetto messaggio.

Con il documento la madre straniera dovrà dichiarare sotto la sua responsabilità gli estremi del titolo di soggiorno che le consente di trovarsi regolarmente sul territorio nazionale, la data di rilascio e la data di scadenza. La struttura territorialmente competente valuterà, in base alla citata Ordinanza, la sussistenza dei requisiti sia con riferimento alla regolare presenza in Italia sia con riferimento agli altri requisiti giuridico-fattuali richiesti dalla legge. L'Istituto avverte che i premi verranno corrisposti con riserva di ripetizione se, all’esito del giudizio di impugnazione del citato provvedimento giudiziale da parte dell’Istituto, emergerà un diverso orientamento giurisprudenziale. L'Inps, infatti, ha fatto appello contro la sentenza del Tribunale di Milano e, dunque, la controversia non si è ancora conclusa. 

La questione

Il "Bonus mamma domani" consiste in una somma una tantum di 800 euro che l'Inps eroga alla nascita o all'adozione di un figlio a partire dal 2017. Il sostegno è stato riconosciuto dall'Inps anche alle donne gestanti o alle madri straniere ma solo se residenti in possesso della Carta di Soggiorno per lungo periodo negandolo a tutte le altre madri straniere legalmente soggiornanti in Italia (come ad esempio le titolari di un permesso di lavoro). 



Documenti: Messaggio inps 661/2018

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici