Menu

Pensioni, Come si computa l'indennità di volo ai fini pensionistici

I chiarimenti in un documento Inps. Dopo le modifiche normative del Dlgs 164/1997 l'indennità di volo è computabile ai fini pensionistici in misura pari al 50% del proprio ammontare.

Regole in chiaro per il computo dell'indennità di volo ai fini pensionistici per gli assicurati al Fondo di previdenza per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione aerea. I chiarimenti li fornisce l'Inps nel messaggio numero 1711/2019 pubblicato l'altro giorno nel quale l'ente previdenziale espone una ricognizione delle regole circa la corretta valorizzazione dell’indennità di volo in relazione alla determinazione dell’imponibile soggetto a contribuzione e della retribuzione pensionabile. I chiarimenti si sono resi necessari dopo le modifiche normative apportate dal Dlgs 164/1997 con il quale è stata armonizzata la base pensionabile del Fondo Volo con particolare riguardo all'indennità di volo,  componente della retribuzione spettante al personale di volo, in ragione dei peculiari rischi legati alle condizioni di lavoro.

Sino al 31 dicembre 1997 a sensi di quanto previsto dalla normativa istitutiva del Fondo Volo (legge 859/1965) l’indennità di volo concorreva interamente alla determinazione dell’imponibile ai fini sia contributivi che pensionistici. Dal 1° gennaio 1998 il Fondo Volo, è stato oggetto di un procedimento di armonizzazione ad opera del Dlgs 164/1997 il quale ha stabilito il principio secondo il quale l’indennità di volo concorra nella misura del 50%  alla determinazione dell’imponibile ai fini sia contributivi che pensionistici. In merito alla retribuzione pensionabile e in relazione a quei soggetti che possano far valere un’anzianità contributiva di almeno 18 anni ovvero inferiore a 18 anni interi al 31.12.1995, tuttavia, l'articolo 2, co. 3 del Dlgs 164/1997, come interpretato autenticamente dall’articolo 1-quater, comma 2, della legge 5 ottobre 2004, n. 249 ha precisato che per la determinazione della retribuzione pensionabile relativa alle quote di pensione maturate con il metodo retributivo fino al 31 dicembre 1997, l’indennità di volo sia calcolata nella misura del 100 per cento del suo ammontare.

Le regole

L'Inps chiarisce, pertanto, che l’indennità di volo è sempre individuata nella misura del 50% con riferimento all’imponibile assoggettabile a contribuzione mentre per quanto riguarda la retribuzione pensionabile, nei confronti di lavoratori che risultino iscritti al Fondo volo successivamente al 31.12.1995 l’indennità di volo è individuata nella misura del 50%. Di contro, per tutti i lavoratori iscritti al Fondo volo al 31.12.1995 (e la cui prestazione pensionistica è calcolata con il metodo retributivo e misto), ai fini della determinazione della retribuzione pensionabile, l’indennità di volo è considerata al 100% per le quote retributive di pensione  maturate alla data del 31.12.1997.  Nel quadriennio 2014-2017 il legislatore ha disposto, inoltre, l’esclusione delle indennità di volo dalla base imponibile ai soli fini contributivi facendone salva, tuttavia, la concorrenza ai fini della determinazione della retribuzione pensionabile nella misura del 50% del loro ammontare. A tal fine l'Inps rammenta che anche nel quadriennio in questione ai fini della determinazione della retribuzione pensionabile, l’indennità di volo è considerata al 100% per le quote retributive di pensione  maturate alla data del 31.12.1997.

Negli eventi figurativi

Considerato inoltre che le indennità di volo costituiscono parte fissa della retribuzione, tale voce retributiva è da considerarsi elemento che, nel caso di sospensione totale o parziale del rapporto di lavoro (è il caso ad esempio della cassa integrazione guadagni), concorre sempre – nella misura del 50% del minimo contrattualmente garantito – alla determinazione della retribuzione integrabile e, conseguentemente, della contribuzione figurativa. Ciò vale anche per gli eventi di cassa integrazione guadagni intervenuti durante il quadriennio 2014-201, anche in considerazione del dettato normativo, che ha previsto espressamente la valorizzazione delle indennità di volo – nella misura del 50% – ai fini della determinazione della base pensionabile, con la conseguenza che dette indennità devono avere la stessa incidenza sia nelle ipotesi di contribuzione versata dal datore di lavoro che nei casi di contribuzione figurativa.

Documenti: Messaggio inps 1711/2019

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici