I chiarimenti un documento dell’Inps. Gli interessati che hanno maturato i requisiti nel 2023 avranno tempo sino al 30 marzo per presentare la domanda per la nuova indennità di discontinutà.
Parziale correzione dell’Inps in merito ai lavoratori che devono presentare domanda per l'indennità di discontinuità entro il prossimo 15 dicembre 2023. La scadenza anticipata riguarda solo coloro che hanno raggiunto i requisiti entro il 2022.
In Gazzetta il decreto legislativo che attua la riforma degli ammortizzatori sociali per i lavoratori discontinui dello spettacolo. Ammessi al beneficio i lavoratori con un reddito non superiore a 25 mila euro.
In Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che individua le professioni discontinue che avranno diritto all’indennità. Oltre agli artisti e tecnici dentro anche custodi, guardarobieri e addetti alle pulizie.
Approvato dal Cdm lo schema di decreto legislativo che dal 1° gennaio 2024 sostituirà l’attuale «Alas». Beneficiati gli iscritti al fondo dello spettacolo con attività «discontinue» che vantano un reddito annuo non superiore a 25 mila euro.
La Camera dei Deputati ha approvato una risoluzione che impegna il Governo ad individuare una soluzione relativa al calcolo della quota B della pensione per gli assicurati presso il fondo pensione dei lavoratori dello spettacolo.
Pagina 1 di 7
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati