Quest'anno i genitori potranno anche autocertificare, in sede di allegazione della retta, l'importo richiesto per velocizzare il rimborso da parte dell'INPS. L'invio della documentazione attestante il pagamento della rata dovrà effettuata entro aprile 2023.
Dal 2015 i genitori lavoratori dipendenti possono optare per la riduzione dell'orario di lavoro al 50% in alternativa all'astensione piena.
Nota Inps in vista della partenza dell'assegno unico per i figli. Resta solo la maternità comunale che nel 2022 vale 354,7€ al mese per cinque mensilità in presenza di un ISEE non superiore a 17.747,58€.
Il nuovo sostegno premierà soprattutto le famiglie numerose e/o con ISEE bassi, gli autonomi e i disoccupati che sino ad oggi non beneficiano degli assegni al nucleo familiare. Risvolti positivi, tuttavia, anche per chi ha redditi molto elevati ed è attualmente privo degli ANF e delle detrazioni per i figli.
I genitori potranno, infatti, cumulare l'assegno unico con il bonus bebe' per il primo anno di vita del bimbo oltre a fare salvo il premio alla nascita. Le indicazioni in una circolare INPS attuativa della misura.
Fissati dal Dipartimento Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri i valori delle prestazioni per il 2022. Da marzo tuttavia l'assegno per i nuclei numerosi sarà assorbito dall'assegno unico.
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati