Il dubbio di molti lettori. A causa di una limitazione prevista dall'Inps è preclusa la facoltà per i lavoratori iscritti alla gestione separata di riscattare il periodo di studi se collocato anteriormente al 31 marzo 1996.
Per avere la piena copertura ai fini previdenziali, si può versare la contribuzione mancante anche in presenza di un part-time di poche ore. 
Una penalità occulta coinvolge i lavoratori che stanno pagando ratealmente gli oneri del riscatto della laurea e che hanno fatto domanda di pensione con quota 100 in regime di cumulo dei periodi assicurativi.
Una guida relativa alla modalità sperimentale di riscatto dei buchi contributivi tra un lavoro e l'altro a disposizione dei soggetti che hanno iniziato il lavoro dopo il 31 dicembre 1995.
Se conseguiti entro il 31 dicembre 2021 e a condizione che il richiedente abbia conseguito il diploma di scuola secondaria. I chiarimenti in un documento dell'Inps.
Ai lavoratori è concessa la facoltà di coprire retroattivamente i periodi di contribuzione omessa dal datore di lavoro pagando il relativo onere di riscatto. 
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati