Menu

Riforma Pensioni, Ecco le modifiche per il 2021

I temi previdenziali da inserire nella prossima legge di bilancio sono stati discussi ieri tra Governo e parti sociali. In arrivo una ulteriore proroga dell'opzione donna e dell'ape sociale. Sostegno agli strumenti per gestire gli esodi aziendali.

Il Governo punta ad una proroga di un ulteriore anno dell'ape sociale, la prestazione di accompagnamento alla pensione di vecchiaia per le categorie più fragili, e dell'opzione donna. La modifica sarà contenuta nel ddl di bilancio il cui schema sarà licenziato a breve da Palazzo Chigi. E' quanto è emerso ieri all'esito dell'incontro che si è tenuto con le parti sociali sul dossier previdenza.

Tra le altre modifiche discusse un ampliamento delle categorie beneficiarie dell'ape sociale e/o della pensione con 41 anni di contributi per i lavoratori precoci: si studia in particolare l'inclusione dei lavoratori in condizioni di particolare fragilità come i malati oncologici, gli immunodepressi e i cardiopatici e un ulteriore ampliamento delle categorie dei lavoratori c.d. gravosi. L'esecutivo punta, inoltre, a sostenere ulteriormente gli strumenti di prepensionamento a carico delle aziende come l'isopensione ed il contratto di espansione. In particolare lo scivolo di sette anni di isopensione potrebbe durare anche nel 2021 (dal 2022 tornerebbe a quattro anni) ed il contratto di espansione potrebbe essere prorogato oltre il 2020.

Altro impegno assunto dall'esecutivo è quello di sterilizzare gli effetti negativi alla luce della riduzione del Pil sul montante contributivo delle pensioni. Come già anticipato sulle pagine di questa rivista la riduzione del PIL legata all'emergenza epidemiologica da COVID-19 potrebbe determinare il sostanziale blocco delle rivalutazioni dei montanti contributivi nei prossimi anni. Da qui l'esigenza di un correttivo al sistema contributivo.

Non si è, invece, ancora discusso delle modalità di superare la quota 100 in scadenza, come noto, il 31 dicembre 2021. Sul tema si punta ad una legge delega da attuare il prossimo anno. Come anticipato l'opzione donna sarà prorogata sino al 31 dicembre 2021: ciò significa che le lavoratrici che maturano 58 anni (59 anni le autonome) unitamente a 35 anni di contributi entro il 31.12.2020 (attualmente il limite è al 31.12.2019) saranno ammesse a fruire della misura.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici