Menu

Riforma Pensioni, I risultati delle elezioni avvicinano la Quota 100 e la Quota 41

I programmi elettorali del M5S e della Lega intendono riportare al centro della discussione politica il superamento della Legge Fornero del 2011. Ma aldilà delle promesse resta il problema delle coperture. 

L'exploit del M5S e della Lega alle elezioni aumenta le possibilità di una revisione della Legge Fornero sulle pensioni nella nuova legislatura. Fermo restando che i numeri dovranno ora tradursi in una maggioranza di governo, un nodo che dovrà essere sciolto nelle prossime settimane, il voto degli italiani ha bocciato sonoramente il Pd e l'attuale maggioranza di governo. E ha visto un forte irrobustimento delle Forze Politiche che chiedono, all'interno del programma elettorale, una revisione (o meglio una vera e propria abrogazione) della Riforma del 2011 sulle pensioni.

E' uscito sconfitto, quindi, l'accordo sindacale dello scorso settembre 2016 con il quale il Governo Renzi ha realizzato l'Ape sociale e la quota 41 per i lavoratori precoci e l'ape volontario, cioè il prestito pensionistico per gli ultra 63enni. Gli enormi ritardi e i tantissimi paletti e condizioni imposte, accompagnato dal pasticcio sui vitalizi, hanno segnato anche la sorte dei sostenitori di tale accordo. 

La vittoria del M5S apre, dunque, nuovi scenari sulle pensioni nel prossimo biennio. Il Movimento di Beppe Grillo propone il superamento della cosiddetta "riforma Fornero" attraverso la messa a regime dei parametri di "quota 41" e "quota 100" per l'accesso alle pensioni, l'introduzione della staffetta generazionale nelle aziende, un ampliamento delle categorie di lavori da considerare usuranti ed un allargamento della possibilità di usufruire della cosiddetta "opzione donna", nonché il blocco dell’adeguamento all’età pensionabile all’aspettativa di vita. Elementi comuni anche alla Lega, l'altra forza politiche uscita vincitrice dal confronto elettorale. 

Attualmente la cd. quota 41 è stata riconosciuta con la legge 232/2016 dal 1° maggio 2017 - dopo lunghi anni di trattative e discussioni - solo in favore di alcune categorie di lavoratori in difficoltà (disoccupati, invalidi, addetti a mansioni usuranti e gravose, o soggetti che assistono disabili) e a condizione che possano vantare almeno 12 mesi di lavoro effettivo prima del 19° anno di età (lavoratori cioè precoci). Una serie di vincoli che consentono il pensionamento solo a poche categorie di soggetti e, peraltro, in esito ad una complessa procedura di monitoraggio e di verifica delle condizioni. Per Di Maio l'obiettivo del M5S è quello di estendere il pensionamento con 41 anni di contributi a tutti, uomini e donne, anche non precoci come accadeva, in sostanza, prima della Legge Fornero. E di introdurre la quota 100 come somma di età anagrafica e contributiva per guadagnare l'accesso alla pensione (es. 60 anni e 40 anni di contributi). 

Il programma del M5S prevede poi anche l'abolizione dei vitalizi dei parlamentari, la soppressione del minimale inps per artigiani e commercianti, la riorganizzazione della gestione separata dell'Inps oltre naturalmente al reddito di cittadinanza: una prestazione di importo pari a 780 euro al mese per persona singola che cresce per le famiglie numerose. Insomma queste istanze nella prossima legislatura avranno sicuramente maggiori chance di essere affrontate rispetto al passato. Perchè i partiti che le sostengono avranno una maggiore rappresentatività nel Parlamento (lega e M5S hanno, infatti, totalizzato insieme circa il 50% dei voti). Resterà da comprendere come saranno declinate, una sfida difficile per via della loro onerosità. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici