Dall’Inps le consuete regole per il versamento della contribuzione eccedente il minimale di artigiani e commercianti e dei liberi professionisti iscritti alla gestione separata.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione respingendo la tesi dell'Istituto di Previdenza. Vanno esclusi i redditi di capitale, quali quelli derivanti dalla mera partecipazione a società di capitali, senza prestazione di attività lavorativa da parte del socio.
L'Inps ha iniziato ad inviare gli avvisi bonari ad artigiani e commercianti per la riscossione della III e IV rata dell'emissione 2020. In assenza di riscontro l'ente di previdenza procederà tramite avviso di addebito con valore esecutivo.
I chiarimenti in un documento dell'ente di previdenza. La contribuzione versata in eccesso rispetto all'esonero contributivo di cui alla legge n. 178/2020 sarà compensata automaticamente sull'ultima rata dell'emissione 2021. Istanze di compensazione solo per le eventuali ulteriori eccedenze.
Aumenti salati quest'anno soprattutto per i commercianti che dovranno sborsare oltre 130 euro in più di minimale alla gestione. E' l'effetto combinato della nuova aliquota per il finanziamento dell'indennizzo per la rottamazione delle licenze e l'aumento dell'inflazione (+1,9%).
Coinvolti i lavoratori autonomi. Se la contribuzione sospesa è determinante ai fini del diritto a pensione. I chiarimenti in una risposta della sottosegretaria al welfare alla Camera dei Deputati. Salva la possibilità di versare le rate sospese nelle more della definizione delle domande di esonero contributivo.
Pagina 1 di 10
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati