Pensioni

Pensioni

A marzo i conguagli ai pensionati coinvolti nelle nuove fasce di perequazione previste dalla Finanziaria 2023. I chiarimenti in un documento dell'Inps che aggiorna le procedure. Aumenti ridotti per gli assegni superiori a 2.100€ lordi al mese.
L’Istituto ha aggiornato l’applicativo per consentire la presentazione delle istanze da parte delle lavoratrici in possesso dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalla Finanziaria 2023.
L'Istat ha certificato un tasso di inflazione definitivo dell'8,1% nel 2022 rispetto al 7,3% provvisoriamente utilizzato dall'INPS per l'adeguamento degli assegni pensionistici dal 1° gennaio 2023. Di conseguenza dal prossimo anno gli assegni saliranno di un ulteriore 0,8% con conguaglio degli arretrati. Aggiornati pure i minimali e i massimali per i lavoratori dipendenti.
L’Inps detta regole ed istruzioni dopo l’assorbimento della gestione sostitutiva INPGI nel FPLD. Lo scivolo scatta in presenza di almeno 62 anni di età e 25 anni e 5 mesi di contributi e l’ammissione alla CIGS per causale di riorganizzazione aziendale.
Si è riunito oggi il gruppo di lavoro istituito per definire le nuove norme del sistema previdenziale italiano, che arriveranno prima della prossima legge di bilancio. Obiettivo: raggiungere una soluzione condivisa con le parti sociali e sostenibile sulla cd. flessibilità in uscita.
I chiarimenti in un documento del Ministero del Lavoro. Possibile concordare la cessazione anticipata del rapporto di lavoro in cambio dell’assunzione di giovani con età inferiore a 35 anni per un periodo minimo di tre anni.
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati