Anno Bianco, Ecco gli autonomi iscritti all'INPS che ne possono beneficiare

Vittorio Spinelli Lunedì, 09 Agosto 2021
Diffuse dall'INPS le istruzioni per la fruizione dell'esonero contributivo per i lavoratori autonomi e professionisti. Domande entro il 30 settembre anche se mancano ancora i moduli per autocertificare i requisiti.

Gli autonomi e professionisti che ritengono di avere i requisiti per accedere all'anno bianco possono non versare i contributi in scadenza nel mese di agosto e settembre. Tuttavia se l'INPS accerta che l'esonero non spetta la contribuzione omessa sarà sanzionata come omissione contributiva. Lo rende noto, tra l'altro l'INPS nella Circolare n. 124/2021 pubblicata l'altro giorno con la quale illustra i requisiti per fruire dell'esonero contributivo introdotto dall'articolo 1, co. 20 della legge n. 178/2020 (legge di bilancio 2021).

Esonero contributivo

La disposizione da ultimo richiamata prevede l’esonero dal pagamento dei contributi previdenziali (ad esclusione dei premi dovuti all’INAIL) dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’INPS e dai professionisti iscritti alle altre forme previdenziali obbligatorie, gestite da persone giuridiche di diritto privato nel limite massimo di 3.000 euro in scadenza entro il 31 dicembre dell'anno in corso. Per fruire dell'esonero è necessario, tra l'altro, aver percepito nell’anno d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000,00 euro e aver subito un calo di fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 rispetto all’anno 2019 non inferiore al 33 per cento. Chi ha avviato l'attività nel 2020 ne beneficia a prescindere.

La Circolare n. 124 riguarda gli iscritti alle gestioni INPS (commercianti, artigiani, coltivatori diretti, professionisti iscritti alla gestione separata). Oltre ai citati requisiti la legge impone che i richiedenti non siano titolari di pensione diretta con la sola eccezione dell'assegno ordinario di invalidità (rileva anche l'APE sociale, gli assegni straordinari di solidarietà, l'isopensione, l'indennizzo per la cessazione definitiva dell'attività commerciale ma non le rendite INAIL, gli assegni e le pensioni sociali, le indennità civili e la RITA) e non siano titolari di rapporto di lavoro subordinato con esclusione del lavoro intermittente senza diritto all'indennità di disponibilità. Le predette condizioni devono verificarsi per tutto il 2021 pena la decurtazione dell'esonero in misura proporzionale ai mesi nei quali risulta attivo un rapporto di lavoro dipendente (o la titolarità di una pensione diretta).

Artigiani e Commercianti

Il beneficio sgrava solo i contributi fissi in scadenza entro il 31 dicembre 2021: si tratta cioè della I, II e III rata dovuta sul minimale 2021 (scadenze rispettivamente del 17 maggio, 20 agosto e 16 novembre 2021 anche se la prima rata è stata posticipata al 20 agosto); la IV rata invece non è sgravata in quanto cade nel 2022. Per chi non paga sul minimale l'esonero abbatte la contribuzione dovuta a titolo di primo e secondo acconto 2021 (scadenza 15 settembre e 30 novembre 2021) sulla base del reddito dichiarato per l'anno di imposta 2020 (quadro RR, sezione I della dichiarazione fiscale annuale).

Agricoli autonomi

L’esonero sgrava la contribuzione annuale tariffata con l’emissione 2021, di competenza del medesimo anno con scadenza dei versamenti entro il 31 dicembre 2021, esclusi i premi e la contribuzione dovuti all’INAIL, al netto di altre agevolazioni o riduzioni delle aliquote di finanziamento della previdenza obbligatoria, previste dalla normativa vigente e spettanti nel periodo di riferimento dell'esonero. Sono, pertanto, comprese la I, II e III rata della tariffazione 2021, aventi scadenza ordinaria entro il 31 dicembre 2021, limitatamente alla contribuzione di competenza dell’anno 2021. La scadenza della prima rata, peraltro, era stata posticipata dal 16 luglio al 20 agosto. La quarta rata, invece, non è sgravata in quanto cade nel 2022. 

Professionisti senza cassa

L'esonero sgrava i contributi dovuti a titolo di primo e secondo acconto 2021 (scadenze rispettivamente del 15 settembre 2021 e 30 novembre 2021) calcolati con l'aliquota del 25,98% (25% IVS, 0,72% maternità e 0,26% per l'ISCRO) o del 24% se iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie (sono esclusi dal beneficio i soggetti pensionati o titolari di rapporto di lavoro subordinato) e calcolati sul reddito dichiarato per l'anno di imposta 2020 (quadro RR, sezione II della dichiarazione fiscale annuale). Sono inclusi anche i professionisti e gli operatori sanitari in quiescenza per gli incarichi conferiti nel 2020 per il contrasto al COVID-19 ad esclusione di quelli con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa.

Regolarità Contributiva

L'esonero è subordinato alla verifica della regolarità contributiva alla data del 1° novembre 2021 (sono validi anche i versamenti effettuati entro il 31 ottobre 2021). Inoltre il riconoscimento dello sgravio è subordinato al pagamento della quota parte di contribuzione che non forma oggetto di esonero (cioè quella eccedente il limite di 3.000 euro).

Domande entro il 30 settembre 2021

Per l'ammissione al beneficio gli interessati dovranno presentare, a pena di decadenza, domanda all'INPS entro il 30 settembre compilando specifici modelli distinti per ciascuna gestione INPS (commercianti, artigiani, coltivatori diretti, gestione separata) la cui pubblicazione è attesa nei prossimi giorni. La domanda consiste in una autocertificazione dei requisiti che saranno poi accertati dall'ente di previdenza in accordo con l'amministrazione fiscale.

Versamenti sospesi

Per non obbligare al versamento dei contributi nel mese di agosto e settembre anche i contribuenti che hanno i requisiti per fruire dell’esonero, costringendoli poi alla presentazione della domanda, entro il 31 dicembre 2021, per la richiesta di rimborso o di compensazione l'INPS spiega che è possibile non versare la contribuzione alle scadenze che interverranno dalla pubblicazione della Circolare sino al 30 settembre. Attenzione però: se l'istanza di esonero viene rigettata la contribuzione omessa sarà sanzionata come omissione contributiva (con l'applicazione delle relative sanzioni ed interessi).

Vincolo di bilancio

Come detto per ciascun lavoratore o professionista l'esonero è riconoscibile nel limite massimo individuale di 3.000€, riparametrato ed applicato su base mensile ed entro un plafond complessivo di 1,5 miliardi di euro. Ove le risorse economiche stanziate non siano sufficienti a coprire la totalità delle richieste avanzate, l'INPS ridurrà l'esonero in modo proporzionale a tutta la platea dei beneficiari. Potrebbe capitare, pertanto, che all'esito della rideterminazione dell'esonero residui un debito a carico del contribuente rispetto alla contribuzione non versata. L'Inps invierà apposita comunicazione all'interessato e questi avrà 30 giorni di tempo per saldare la differenza senza pagare sanzioni civili ed interessi. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Documenti: Circolare Inps 124/2021

© 2021 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.