Pensioni

Pensioni

L'Istituto di Previdenza ha diffuso il consueto riepilogo dei trattamenti erogati nel 2022 rivalutati per il tasso ISTAT. L'anno prossimo i conti però dovranno essere aggiornati perché l'indice di rivalutazione applicato è stato inferiore (+1,6%) rispetto a quello effettivo (+1,7%).
I chiarimenti in un documento dell'INPS per effetto di una norma di interpretazione autentica contenuta nella legge di conversione del decreto sostegni bis.
I chiarimenti in un documento dell'INPS. Fuori da OD le lavoratrici che hanno riscattato con il criterio contributivo periodi anteriori al 31.12.1995. Salve le domande prodotte entro il 21 dicembre 2021. 
Anche se il trattamento è più favorevole il ricalcolo con il sistema contributivo non è possibile se già si è in pensione. L’orientamento della Cassazione, infatti, ha ribadito che l’opzione riguarda espressamente i  ‘lavoratori iscritti’ e non già i pensionati.
Nuovo round di confronto ieri tra Governo e Sindacati sulla flessibilità in uscita e sui correttivi alla Legge Fornero. I sindacati puntano su un'uscita a 62 anni o con 41 anni di contributi per tutti.
L'Inps ha applicato un tasso di rivalutazione dell'1,6% rispetto all'1,7% ufficializzato dal Ministero dell'Economia a novembre. Per questa ragione molti pensionati non si ritrovano con i conti.
© 2021 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.