Lavoro

Lavoro

I chiarimenti in un documento dell’Inps. Niente rigetto delle domande di assegno di integrazione salariale presentate dal 1° gennaio al 31 marzo 2022 con errori di compilazione nelle causali.
In arrivo nuovi strumenti di tutela per il lavoratore che non riceve tutte le informazioni previste dal proprio datore di lavoro (o committente) al momento dell’istaurazione del rapporto di lavoro. L’elenco degli obblighi informativi, infatti, si amplia con lo schema di decreto in materia di trasparenza ora in via di definizione in Parlamento. Si allarga anche la gamma di misure in favore del dipendente (o collaboratore) in caso di violazione con la possibilità di ricorrere ai collegi arbitrali o allo stesso Ispettorato del lavoro.
Lo prevede un passaggio della bozza di decreto legislativo attuativo della direttiva comunitaria n. 1158/2019 in un'ottica di maggiore equilibrio tra attività professionale e vita familiare. Analogo diritto anche per i cd. «caregivers».
Una delibera del commissario straordinario dell'Agenzia per le politiche attive del lavoro dota di nuovi strumenti gli operatori dei Centri per l'Impiego nell'ambito del programma finanziato dal Pnrr: agevolata la profilazione quantitativa e qualitativa degli utenti in cerca di lavoro o di formazione. Individuati anche gli standard minimi di servizio da garantire e i relativi costi.
Lo prevede lo schema di decreto legislativo ora sotto esame alla Camera che attua la direttiva UE n. 1152/2019. Il principio, già consolidato in giurisprudenza, viene recepito dal Legislatore che ne precisa i limiti: ragioni di salute e sicurezza, riservatezza aziendale, conflitto di interessi e integrità del servizio pubblico. Con il provvedimento prende forma anche il principio della «prevedibilità minima del lavoro» per i lavoratori il cui rapporto si svolga secondo modalità organizzative imprevedibili.
Il periodo determina l'accredito di ulteriore contribuzione utile ai fini del diritto e della misura della pensione e non pregiudica l'accesso nè alla pensione ne' alla disoccupazione.
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati